Proseguendo la navigazione su questo sito, accettate l'utilizzo dei cookie necessari per fornirvi offerte e servizi in linea con i vostri interessi. Per saperne di più consultate la nostra Privacy Policy OK

LA PREVENZIONE

La necessità di salvaguardare i propri beni è diventata un'esigenza attuale. Infatti la prevenzione ha portato ad una crescita della domanda di sistemi di videosorveglianza a causa dell'aumento di furti ed atti vandalici ad abitazioni, uffici, industrie, Istituti di Credito, chiese e musei. La funzione di un impianto di televisione a circuito chiuso è di consentire il controllo visivo di alcune zone ritenute "critiche" da una postazione centralizzata o remota e di costituire, un valido supporto per le forze dell’ordine. Oggi in un unico sistema è possibile avere funzioni di videoregistrazione, controllo e identificazione automatica degli accessi, trasmissione delle immagini a distanza, su personal computer, palmari e telefoni cellulari.

ANALISI DEL SITO

Dopo aver considerato attentamente il rischio a cui è sottoposto l'immobile da proteggere, bisogna innanzitutto individuare i punti cardini ove installare gli organi di ripresa per il monitoraggio del sito, che può avvenire anche in modo automatico senza la necessaria presenza di un operatore.

SCHEMA DI UN IMPIANTO DI VIDEOSORVEGLIANZA

Un impianto di videosorveglianza può essere schematicamente ricondotto ad un gruppo di elementi:

ORGANI DI RIPRESA: telecamere esterne e interne per la ripresa in condizioni di buona o scarsa illuminazione

ILLUMINATORI: dispositivi che emettono luce infrarossa rendendo visibile qualsiasi oggetto in condizioni di scarsa o totale assenza di luce.

VIDEOREGISTRATORE: apparato in grado di registrare e/o inviare in live le immagini del sito acquisite o in acquisizione tramite rete Lan, Wan.

TRASMISSIONE DEL SEGNALE VIDEO: il segnale video può essere trasmesso sia su rame, che su fibra ottica, che via etere. La scelta del mezzo di trasmissione è condizionata da diversi fattori tra i quali quelli tecnici ed economici, non ultime, le varie e differenti tipologie d'installazioni.

MONITOR: dispositivi atti a trasformare i segnali elettrici inviati dalle telecamere o dai dvr in immagini.

ATTUATORI: dispositivi in grado di attribuire ad ogni condizione, un evento ben definito. Ad esempio una condizione d' intrusione, guasto, ecc. determina un evento, che produrrà una segnalazione ben specifica, come ad esempio un messaggio SMS o una segnalazione acustica.